Come estendere una rete Ethernet in treno senza posare nuovi cavi

Westerno punta su un Ethernet Broadband Bridge per riutilizzare gli accoppiatori ferroviari senza costose sostituzioni

Immaginate di voler estendere la comunicazione Ethernet su cavi esistenti senza la necessità di costose ricostruzioni o addirittura sostituzioni.

Impossibile? Non con Westermo, che con la serie Wolverine composta da extender e bridge Ethernet permettere la comunicazione Ethernet su cavi esistenti.

Nello specifico, il DDW-002-B1 è un extender Power Line (IEEE 1901) in grado di creare un collegamento Ethernet a banda larga su cavi a 2 fili, anche in presenza di connettori ossidati. Ciò può comportare notevoli risparmi finanziari nella ristrutturazione di un treno, poiché gli accoppiatori ferroviari esistenti possono essere riutilizzati, mentre il fatto che non sia necessaria alcuna configurazione contribuisce ulteriormente alla facilità d’uso.

Il DDW-002-B1 è stato accuratamente testato da laboratori certificati per garantire la sua conformità alla norma per le apparecchiature elettroniche utilizzate sul materiale rotabile, la EN 50155. Per diverse caratteristiche, Westermo supera i requisiti richiesti dalla norma, ad esempio fornendo un isolamento di 1,5 kVrms su tutte le porte.

Inoltre, il design si basa sulla lunga esperienza di Westermo nel mercato ferroviario, che porta a vantaggi come la filettatura del connettore integrata antivibrazioni, la protezione dall’ingresso IP67 con membrana GORE-TEX per prevenire l’accumulo di condensa e, in definitiva, un MTBF di oltre 40 anni.

Il DDW-002-B1 è costruito nello stabilimento svedese di Westermo, famoso per i suoi standard estremamente elevati, come confermato da numerosi controlli di qualità da parte di clienti internazionali esigenti.

La società sarà a EXPO Ferroviaria 2019 l’1-3 ottobre a Rho Fiera Milano presso lo Stand B100