L’Organizzazione Mondiale del Turismo ha nominato Checkpoint Top Solution provider per l’impegno nel limitare gli effetti del COVID-19

Checkpoint Systems è stata nominata per la Top Solution nella sfida “Healing Solutions for Tourism” dell’Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO), grazie alle proprie innovazioni tecnologiche e all’impegno dimostrato nel diminuire l’impatto del COVID-19.

Il settore turistico è stato uno dei più colpiti durante la pandemia ancora in atto. La Commissione Europea stima che gli alberghi e i ristoranti dell’UE potrebbero subire un dimezzamento del fatturato quest’anno, in uno scenario in cui si prevede un turismo internazionale in diminuzione del 58-78%.

Inoltre, considerando le misure atte a limitare il numero di persone ammesse contemporaneamente in un’area, la gestione dei limiti di presenze rappresenta ancora una sfida tecnologica per molte aziende e organizzazioni.

Tecnologie a sostegno della ripresa del settore

Riconosciuta per la capacità di contribuire alla ripresa del settore turistico, la soluzione SmartOccupancy di Checkpoint, che aiuta le aziende a controllare i livelli di presenze in tempo reale, è stata scelta tra più di 1.000 tecnologie in gara per il premio, provenienti da oltre 100 Paesi.

Con SmartOccupancy, le aziende possono visualizzare in tempo reale il numero di persone in qualsiasi tipo di ambiente poiché la soluzione conta accuratamente il numero di soggetti che entrano ed escono. Inoltre, invia un avviso al personale quando si sta per raggiungere la capacità massima.

Grazie a ciò, i dipendenti possono intervenire in tempo reale sul numero di presenze aiutando a mantenere l’ambiente più sicuro.

I dipendenti e i manager possono accedere alle informazioni online o tramite un tablet all’interno dello store e intervenire in tempo reale sul numero di presenze. L’indicatore visivo a colori su tablet o display permette al personale di riconoscere immediatamente quando sta per verificarsi una violazione della capacità massima. Un ulteriore avviso viene inviato al personale in modo che possa rispondere in modo appropriato.

SmartOccupancy utilizza il più preciso sensore contapersone proposto dalla gamma CheckpointVisiplus 3D – che si collega al software del portale cloud-based HALO. Ciò consente a direttori e imprenditori di accedere ai report sui livelli di presenze nelle vari zone di un’area prefissata e di monitorare la conformità alle regole, per mantenere o modificare la soglia impostata.

Gestire i livelli di presenze in sicurezza e in tempo reale

Per molte aziende, controllare manualmente il numero di persone che accedono a un’area non è un metodo preciso e può essere costoso. Inoltre, la mancanza di chiarezza potrebbe portare a violare inconsapevolmente i limiti di presenze stabiliti, mettendo in pericolo la salute pubblica. SmartOccupancy consente alle aziende di operare in sicurezza, di gestire i livelli di presenze in tempo reale senza la necessità di effettuare conteggi manuali e contribuisce a far risparmiare, non solo denaro, ma anche risorse umane e tempo.

Come riferito in una nota ufficiale da Alberto Corradini, Business Unit Director Italy di Checkpoint Systems: «Siamo onorati di essere stati riconosciuti dall’UNWTO nella categoria Healing for People come fornitore di una delle soluzioni più rivoluzionarie oggi sul mercato in ottica di contribuzione alla ripresa del settore turistico. SmartOccupancy permette alle aziende di concentrarsi sulla tutela del proprio personale e dei clienti. Con oltre 1.000 installazioni in Europa a oggi, la nostra rappresenta la soluzione più precisa del suo genere e fornisce misurazioni affidabili a sostegno degli sforzi richiesti dal distanziamento sociale».