Achab porta oltremanica il suo modello di distribuzione a valore per crescere in un contesto internazionale

Achab

È un modello di business vincente quello di Achab, azienda specializzata nella distribuzione a valore di soluzioni software infrastrutturali, che si espande ulteriormente e arriva in Regno Unito nella sua nuova veste internazionale come Achab Limited. A conferma di un percorso di crescita strategico, la società porterà il suo modello di distribuzione a valore per supportare sia i vendor ICT italiani che desiderano prosperare in Regno Unito, sia le aziende estere del mondo ICT aprendo loro le porte del mercato internazionale.

Confermando la sua centralità a supporto delle PMI e lo sviluppo costante in Italia, la società continua la sua espansione e, in una cornice storica caratterizzata da particolari sfide per tutti, porta a compimento l’importante traguardo di stabilire in Regno Unito il suo modello di business di successo per essere la prima porta d’ingresso sul mercato UK per i vendor italiani e internazionali che si affacciano all’Europa.

Andrea Veca, CEO di Achab
Andrea Veca, CEO di Achab

“Nel contesto internazionale, il mercato inglese è estremamente ambìto ed è il primo, insieme all’Irlanda, in cui i vendor statunitensi stabiliscono la loro presenza. Se, da un lato, il mercato dei Managed Service Provider in Regno Unito è molto più sviluppato rispetto a quello italiano, dall’altro, è fortemente più competitivo, essendo il primo paese in cui i vendor sbarcano quando desiderano entrare in Europa.” ha dichiarato Andrea Veca, CEO di Achab. “Nel corso degli anni ci è capitato diverse volte di trovare soluzioni IT sviluppate in Italia che sono rimaste bloccate in un mercato ancora limitato: la speranza è inoltre quella di poter dare un contributo allo sviluppo commerciale ed aziendale delle software house italiane che hanno scelto di investire in un ambito che in altri mercati sta facendo scintille”.

“Affrontare un nuovo mercato rappresenta una sfida estremamente stimolante, con nuove criticità, ma anche nuove opportunità. Nel corso di questi anni abbiamo sviluppato sia processi che tecnologie che si sono rivelate piuttosto efficaci, per questo desideriamo applicare il nostro know how e la nostra esperienza in un altro mercato per continuare a dare una spinta all’innovazione del mercato ICT e supporto al business dei Managed Service Provider” ha commentato Daria Trespidi, Chief Operation Officer di Achab.

Con un’esperienza ultradecennale nel settore dell’Information Technology e nel mercato degli MSP, sarà Phil Sansom alla guida di Achab Limited in qualità di Managing Director: “Sono incredibilmente entusiasta di entrare a far parte del meraviglioso team Achab e di dirigere la loro nuovissima attività nel Regno Unito. Lavoro con Andrea dal 2005 e ho colto al volo questa opportunità di collaborare con lui e il team Achab”.

Achab Limited porterà all’estero alcune soluzioni innovative all’avanguardia sviluppate da vendor italiani facendo loro da “fast lane” per entrare nel mercato inglese. Tra le prime, sarà Globaldash, soluzione nata a Forlì che unifica in una sola schermata gli alert provenienti dalle piattaforme utilizzate dagli MSP per erogare servizi IT.

Tra quelle di respiro internazionale, spiccano Cameyo, soluzione innovativa che semplifica il lavoro di MSP e utenti consentendo un accesso veloce, semplice e sicuro alle applicazioni Windows in qualsiasi momento e da qualsiasi device. E ancora, Cyberfish, soluzione dedicata alla sicurezza della posta elettronica e specificamente progettata per rilevare e bloccare in tempo reale gli attacchi di phishing da fonti sconosciute.

Accogliendo con grande entusiasmo il nuovo percorso di crescita internazionale intrapreso dalla società, tutto il team Achab concorda nell’abbracciare le opportunità di crescita, non solo commerciali e professionali, ma anche personali legate all’espansione dei confini aziendali, convinti che l’arrivo di Achab in Regno Unito rappresenti appieno lo spirito dell’azienda, da sempre tesa a migliorare e ad abbracciare nuove stimolanti sfide.