BlackBerry Q10, il primo smartphone BlackBerry 10 con tastiera Qwerty

480

A poche settimane dal lancio dello smartphone, in anteprima alcune delle principali caratteristiche del nuovo prodotto, progettato nei minimi dettagli per offrire design e prestazioni eccellenti.

Il nuovo BlackBerry Q10 combina la potenza della piattaforma BlackBerry 10 con un’ampia tastiera fisica, completamente riprogettata, e un sorprendente display touchscreen.

Un’attenzione meticolosa è stata posta su ogni dettaglio: dalla caratteristica forma, al design elegante ed ergonomico della tastiera Qwerty. Con BlackBerry Q10 le conversazioni possono essere più veloci e precise, sia che si tratti di una chat Bbm, sia che si stia scrivendo un’e-mail o un importante documento.

In particolare, la classica tastiera BlackBerry è stata elegantemente ridisegnata in modo da avere una forma più ampia e diritta, tasti a rilievo più grandi e uno spazio maggiore tra le righe, affinché si premano i tasti giusti più rapidamente, eliminando errori durante la digitazione quando si è in movimento.

Grazie alla capacità di apprendimento di BlackBerry 10, si ottengono suggerimenti intelligenti sulle parole da usare e un’auto-correzione automatica, entrambi personalizzati. BlackBerry Q10 offre anche la nuova Instant Action, una funzione che fa risparmiare tempo permettendo di digitare ed eseguire attività più velocemente usando semplici scorciatoie.

Dalla schermata Home, è sufficiente iniziare a digitare per effettuare una ricerca, oppure digitare “e-mail John” per comporre un’ e-mail dedicata a un destinatario specifico.

Per quanto riguarda il design, la cover posteriore è stata realizzata in un materiale leggero realizzato in esclusiva per il BlackBerry Q10. Lo smartphone, però, è anche robusto grazie alla cornice lavorata in acciaio inox.

Dal suo display Super Amoled da 3.1 pollici a 330 ppi, alla tastiera ergonomica, fino ai materiali, scelti appositamente per la loro resistenza e leggerezza, ogni centimetro del BlackBerry Q10 è realizzato con estrema cura.

 

Silvia Viganò