Con IBM i dati sono fashion

490

Una nuova ricerca realizzata in collaborazione con l’Università Cattolica di Milano e MF Fashion indaga il lato modaiolo dei dati

Il lusso non risente della crisi. L’industria della moda in Italia muove un rilevante volume d’affari. Il nostro Paese rappresenta l’emblema a livello internazionale dello stile e dell’eleganza, fin da tempi lontani la pregiatezza dei prodotti italiani ha invaso il mondo: l’Italia è la regina incontrastata dello stile.
Le opportunità di crescita, in questo settore, sono ancora innumerevoli e partendo dal presupposto che mai come in questo momento in cui tutto ciò che facciamo “crea dati” la tecnologia, e in particolare i nuovi software ed i nuovi canali dal social al mobile, giocano un ruolo determinante per dare una marcia in più al settore.

Ma come verificare l’importanza dei dati nel mondo della moda e del lusso?
Seguendo l’approccio “walk the data talk”, ovvero dimostrando l’importanza dei dati e della loro analisi attraverso l’applicazione concreta, IBM lancia l’iniziativa “I dati sono fashion”, che durerà per tutto l’arco della settimana della moda di Milano.
La ricerca, realizzata in collaborazione con ModaCult dell’Università Cattolica di Milano e con il contributo di MF Fashion, ha il fine, tramite l’utilizzo di software di social analytics, di individuare i trend economici e tecnologici associati al fashion e ai suoi brand, attraverso l’ascolto delle conversazioni e l’analisi delle relazioni che si creano sui social media.

Il team di ricerca IBM lavorerà utilizzando sia tecniche di analisi del linguaggio che strumenti di social network analysis. La metodologia dello studio è quella di sondare l’eco e le opinioni espresse pubblicamente sui social media avendo come entità/segnali di riferimento i brand in ambito fashion.

Verranno esplorate, in sinergia con i partner scientifici e gli analisti che operano in questo settore, varie dimensioni di aggregazione delle opinioni e delle informazioni, secondo vari aspetti e argomenti di interesse, come ad esempio colori, materiali-tessuti, l’utilizzo della tecnologia, le modalità di acquisto in crescita ecc.

IBM, nello spazio a sua disposizione in via della Spiga 19, ospiterà esperti di moda, d’economia, delle imprese che racconteranno le loro esperienze ed ancora esperti del mondo accademico, blogger e giornalisri.
Per stimolare e condividere il dibattito sul tema dei dati, tutti gli spunti e i risultati delle analisi fatte in tempo reale verranno raccontati attraverso il canale Twitter di IBM (@IBMItalia) con l’hashtag #idatisonofashion.