Mercato della videoconferenza: come essere competitivi?

545

Gartner svela le 4 tendenze del mercato mentre Vidyo si conferma azienda pioneristica nella telepresenza personale e detta i trend

Come essere competitivi nel mondo della videoconferenza?
Ce lo dice il rapporto di Gartner IT Market Clockper for Enterprise Video, su cui si basa fin dalla sua nascita Vidyo.
Secondo questa analisi sarebbero quattro i passaggi fondamentali che garantiscono competitività.

Innanzitutto il passaggio da sistemi hardware ad endpoint software: dall’istallazione di poche room dedicate la videoconferenza diventa accessibile ad un ampio numero di postazioni indipendenti che includono le UC (Unified Communication), i softclients dedicati e le applicazioni mobile.
In secondo luogo è fondamentale attribuire la giusta importanza all’usabilità mobile: tra le sfide della videoconferenza c’è il raggiungimento dei dispositivi portatili come PC, tablet e smartphone.
Il terzo punto è la necessità di garantire standard più leggeri che consentano una migliore qualità del collegamento, mentre il quarto è l’affidarsi ad un’architettura basata sulla Codifica video scalabile (SVC) introdotta per la prima volta sul mercato da Vidyo. Le imprese stanno infatti dimostrando la volontà di sfruttare il video per il broadcasting, il narrowcasting, la presenza virtuale e una serie di altre applicazioni al di fuori della telefonia e della conferenza tradizionali.

Quello che rende l’analisi di Gartner interessante è il fatto che convalida i punti di forza e le iniziative di Vidyo. Non stupisce il fatto che il nuovo paradigma introdotto dall’azienda anni fa abbia provocato un importante cambiamento del mercato.
Le implementazioni di Vidyo su larga scala vengono realizzate con una frequenza sempre maggiore e i leader del mercato e gli opinion maker che in passato sono stati scettici stanno riconoscendo che Vidyo ha davvero avuto un’influenza notevole, segnando un punto di svolta nella comunicazione video. La strategia aziendale che ha definito tanti anni fa è ora diventata di riferimento per coloro che cercano di investire in una soluzione di videoconferenza scalabile adatta agli sviluppi futuri.

In un’altra analisi di mercato recente, The Forrester Wave : Desktop Videoconferencing, Q3 2013, Vidyo si è classificata ai primi posti per i propri partner tecnologici. Forrester ha citato Vidyo come “Strong Performer” e lo ha segnalato perché offre “le migliori qualità e prestazioni video”.
“L’architettura di Vidyo riduce in modo significativo il costo della videoconferenza” inoltre – prosegue il rapporto – “Nella nostra demo, Vidyo ha chiaramente ottenuto la migliore qualità video complessiva, anche con un gran numero di partecipanti. Vidyo è soprattutto un fornitore di video conferenza su desktop ma vende anche room system basati sulla stessa architettura software e di routing. La sua capacità di fornire soluzioni adatte sia al desktop che alla sala conferenze la rende una valida alternativa alle tradizionali soluzioni room-based come emerge dalle referenze delle aziende clienti”.

Per tutti questi anni, il messaggio generale di Vidyo è stato che la videoconferenza deve essere semplice, naturale e universale.
“Abbiamo più volte affermato che la videoconferenza ha bisogno di funzionare su qualsiasi dispositivo, essere disponibile su qualsiasi tipo di connessione internet, ed essere alla portata di tutti ad un prezzo accessibile – afferma Ofer Shapiro, cofondatore e CEO di Vidyo – . Questo è il motivo per cui siamo particolarmente lieti di ricevere tale riconoscimento e la conferma di queste due ricerche di mercato”.