Wildix Convention 2014: la comunicazione efficace è la nostra missione

436

Si è svolto a Milano l’annuale appuntamento dedicato ai Business Partner italiani ed europei. Si è parlato dei successi dell’anno passato e, soprattutto delle novità che riserva il nuovo anno

[section_title title=Convention Wildix: bilancio di un 2013 di successo]

 

Convention Wildix: bilancio di un 2013 di successo

Si è tenuta nella prestigiosa cornice dell’Università degli Studi Milano Biccoca l’annuale Convention Wildix, un appuntamento dedicato ai Business Partner italiani ed europei, dove le più alte cariche manageriali dell’azienda si danno appuntamento per fare il punto della situazione e presentare le novità per il nuovo anno.

“La comunicazione si trova al centro di tutte le attività umane e in Wildix ci occupiamo proprio di portare buona comunicazione nel modo più efficiente possibile” esordisce Stefano Osler, amministratore delegato della società.

Gli obiettivi che Wildix si era data nel 2013 erano sostanzialmente tre e l’azienda è riuscita a portali a termine con successo.

“Innanzitutto era per noi centrale incrementare il business in Italia, e poi sviluppare il mercato francese per portare la nostra azienda francese fuori dalla fase di start up. Ed infine ci proponevamo di iniziare a seminare il business anche in altri paesi europei – racconta Osler –. Per quanto riguarda il primo punto, siamo riusciti a sviluppare il fatturato del 30% in un mercato che è in calo del 20%, per cui possiamo ritenerci pienamente soddisfatti. In Francia abbiamo incrementato del 107% il nostro fatturato e Wildix è oggi una soluzione ben presente e conosciuta sul mercato. Per quanto riguarda, invece, l’estero, abbiamo attivato alcune nuove Country di test. In particolare, in Germania, abbiamo già aperto il nostro ufficio a Monaco di Baviera e abbiamo già tre corsi professionali per la ricerca di nuovi partner a Monaco, Amburgo e Berlino. Altri paesi in cui abbiamo seminato sono la Svizzera, la Bulgaria, la Russia, l’Ucraina e la Moldavia”.

Per proseguire la lettura clicca sotto