ASUSTOR lancia un nuovo sistema di videosorveglianza

526

Presentato il Surveillance Center 2.3 in versione Beta. Tra le novità: regole di controllo automatizzate, riconoscimento oggetti stranieri, controlli a schermo più intuitivi e l’espansione all’output in HDMI su server locale

ASUSTOR, azienda specializzata nel campo del cloud storage e fornitrice di NAS, ha annunciato il lancio della soluzione di sorveglianza Surveillance Center 2.3 in versione Beta. Questa versione è caratterizzata da funzioni molto potenti che includono: regole di controllo automatizzate, controlli a schermo semplificati e più intuitivi, controlli sull’ accesso role-based ed il riconoscimento di oggetti stranieri per un’analisi intelligente dei video e della ricerca. È stato inoltre esteso il supporto all’output locale in HDMI permettendo di configurare ben quattro telecamere. In questa maniera gli utenti  potranno cambiare pagina e verificare i diversi feedback dei canali e scorrere automaticamente tra questi ultimi.

Da quando Surveillance Center è stato lanciato abbiamo continuato a ricevere sempre più feedback dai nostri clienti. Questo ci ha permesso di effettuare continui miglioramenti ed aggiungere sempre più novità per creare un sistema di sorveglianza ancora più versatile, ottimale e affidabile” ha detto James Su, Product Manager di ASUSTOR. “Questo aggiornamento migliora in modo significativo le performance globali di sistema in diverse modalità, rimuovendo anche la limitazione che richiedeva la disabilitazione del display locale quando si usava una licenza aggiuntiva per i canali di video sorveglianza“.

Ecco nel dettaglio le funzioni adottate in Surveillance Center 2.3 Beta:

Regole automatizzate per il controllo degli eventi: questa funzione permette agli amministratori di personalizzare le regole sulla gestione degli allarmi.  Quando un evento particolare accade, il sistema può selezionare diverse misure per gestire la situazione basata sul tipo di evento accaduto o sull’orario al quale l’evento è avvenuto. Queste diverse misure includono notifiche in tempo reale tramite mail o SMS a diversi gruppi, notifiche push via smartphone, attivazione di più telecamere per la registrazione, assegnazione delle aree di controllo a specifiche telecamere o l’attivazione di altre periferiche esterne per gestire in modo intelligente e automatizzato l’evento.

Semplici ed intuitivi controlli a schermo: una gran varietà di controlli a schermo in tempo reale e funzioni sull’interfaccia di Surveillance Center permettono di controllare i movimenti delle telecamere PTZ, configurare le impostazioni di quest’ultime, iniziare la registrazione ed effettuare fermo-immagine dei feedback video. Inoltre, per garantire un’esperienza di lavoro più fluida ed intuitiva, l’efficienza di tutte le operazioni è stata migliorata in modo significativo.

Controllo all’accesso Role-Based:  Surveillance Center fornisce un controllo agli accessi basati sul tipo di ruolo, permettendo agli amministratori di creare diversi ruoli per gli utenti in base alle loro responsabilità ed operazioni amministrative che possono o non possono eseguire, nonché impostare il playback e le funzioni di amministrazione a loro accessibili, incrementando in questa maniera in modo significativo, la gestione della sicurezza e la sua flessibilità.

Riconoscimento oggetti stranieri: Oltre al già esistente sistema di riconoscimento, Surveillance Center 2.3 fornisce un riconoscimento degli oggetti stranieri. Gli utenti potranno cercare rapidamente e riconoscere se un oggetto straniero è apparso in una specifica area, ad esempio una borsa, una scatola, un pneumatico o una persona, in modo da cercare rapidamente ed efficiente i momenti più rilevanti avvenuti durante la registrazione.