G-tag: trovare le chiavi non è più un problema!

767

Grazie alla tecnologia Bluetooth 4.0 di cui è dotato, il dispositivo è in grado di localizzare tutti gli oggetti “taggati”

Statisticamente si sprecano ben 38 giorni della propria vita alla ricerca delle chiavi, dell’auto o di casa che siano. Tutti noi perdiamo qualcosa tanto che le statistiche riportano che smarriamo una media di nove oggetti a settimana e che passiamo almeno 15 minuti al giorno alla ricerca di oggetti andati persi, si tratti di chiavi, occhiali, portafogli o telefoni.

In nostro soccorso Gigaset ha lanciato G-tag, un marcatore Buetooth di ultima generazione che cerca, tiene d’occhio e trova tutti gli oggetti ai quali è collegato: bicilette, cellulare, portafoglio, passeggino, macchina fotografica, chiavi e così via.
G-tag, inoltre, offre anche altre funzioni di uso quotidiano. Per esempio, la funzione di posizionamento che consente di trovare immediatamente dove abbiamo parcheggiato la nostra auto in una città sconosciuta, in un grande parcheggio di un supermercato, di un aeroporto o di uno stadio. O ancora una funzione di lista che ci ricorda cosa portare con noi quando usciamo di casa. O un allarme che suona quando un oggetto “taggato” esce dal raggio Bluetooth del nostro smartphone, indicandoci che l’abbiamo dimenticato.

Per attivare G-tag occorre scaricare l’app gratuita Gigaset G-tag, installabile su tutti i dispositivi mobili con Android 4.4.2 o IOS 7 e superiori e scaricabile da Google Play o iTunes Store.
Il dispositivo funziona grazie ad una tecnologia Bluetooth 4.0 BLE, che mantiene una connessione permanente a qualsiasi numero di G-tag in virtù del basso consumo energetico di questa generazione di Bluetooth.

Il raggio d’azione di G-tag è di 30 metri.