La Smart city a Expo 2015

532

Project Informatica, in collaborazione con Samsung Electronics Italia e Imecon (società del Gruppo Project), porta le proprie competenze digital signage all’Esposizione Universale.

Le tecnologie digitali per la comunicazione, l’informazione e l’intrattenimento stanno giocando un ruolo fondamentale, e Samsung Electronics – Official Global Partner di Expo 2015 per l’Edutainment – ha avuto occasione di mostrare all’Esposizione Universale di Milano le proprie, che partono da prodotti e soluzioni e arrivano ai servizi a 360° forniti dai propri partner d’eccellenza, quali Project Informatica in collaborazione con Imecon (società del Gruppo Project).

La superficie dell’esposizione, con il suo 1,1 milione di mq, vede la presenza di oltre 1000 monitor Samsung suddivisi in 112 installazioni “intelligenti” (50 totem, 44 totem bifacciali e 18 wall interattivi) connesse tra loro, distribuite lungo le dorsali principali – Cardo e Decumano – e posizionate nelle aree di maggior affluenza di visitatori.

Questo ecosistema digitale ha la sua installazione più imponente nel “Muro della Borsa”, una struttura composta da 457 monitor Samsung da 46” completamente sincronizzati montati su una configurazione curva di 30 mt di superficie lineare per 10 mt di altezza situato all’interno del Padiglione Zero, i cui contenuti sono gestiti tramite un software dedicato. Questo enorme videowall ad alta definizione è uno spazio rivolto ai mercati del cibo dove vengono proiettate le quotazioni mettendo in relazione tutte le fasi che gli alimenti attraversano, dalla produzione alla speculazione.

Posti lungo il Decumano, agli accessi e attorno all’albero della Vita, simbolo di padiglione Italia, sono distribuiti 44 totem interattivi bifacciali trapezoidali provvisti di schermi Samsung da 55” touchscreen ad alta luminosità che permettono l’interazione di più persone contemporaneamente.

Nelle zone a minor densità di pubblico si è optato invece per 50 totem monofacciali con monitor Samsung da 46” touchscreen sempre ad alta luminosità.

Attraverso gli schermi di questi device vengono veicolate comunicazioni agli utenti fornendo loro tutte le informazioni utili (info sui padiglioni, orari, servizi, eventi ecc.) per la visita dell’esposizione ed un aggiornamento continuo di tutto ciò che è in corso ad EXPO in tempo reale.

Nelle principali piazze all’interno dell’esposizione sono stati disposti 18 E-Wall, veri e propri “muri interattivi” di 7 metri per 3 con un’area visibile di 6mt x 1,80 composti da 18 monitor Samsung da 46” ultrasottili ad alta luminosità che coinvolgono e intrattengono i visitatori grazie a radar touch screen, 6 sensori di prossimità e connessione con una rete a latenza zero, che consente di trasmettere contenuti prodotti sul sito espositivo (per esempio eventi live) in tempo reale.

Altra parte fondamentale di questo progetto è il “Control & Command Center”, centro di comando di EXPO. Qui vengono gestite tutte le operazioni logistiche, organizzative e di comunicazione del sito espositivo.

Imecon ha progettato la struttura operativa della sala composta da 48 operatori, un videowall formato 27 monitor Samsung da 55” ultrasottili professionali in una configurazione 9×3 a cui ogni macchina degli operatori è connessa ed ha sviluppato la piattaforma software di controllo dei dispositivi.

Questa consente la gestione dei contenuti di tutti gli apparati distribuiti all’interno del sito espositivo e di quelli in dotazione agli operatori di EXPO, il loro monitoraggio, il loro controllo (funzionalità, accensione, spegnimento, che cosa sta visualizzando e cosa ha visualizzato ecc) e l’estrapolazione di statistiche derivate dal tipo di utilizzo di ogni device da parte dei visitatori.