Synology annuncia Surveillance Station 7.2

234

Un aiuto per creare un sistema di sorveglianza digitale automatizzato e completo






E’ uscita la nuova versione del software di videosorveglianza di Synology: Surveillance Station 7.2, che ha visto l’introduzione del supporto ai moduli di I/O, un più sicuro sistema centrale di gestione (Central Management System – CSM) e una serie di accorgimenti all’interfaccia Live View.

Se collegato a moduli di I/O, Surveillance Station può funzionare come centro di controllo di vari dispositivi di automazione, come luci a LED, serrature elettromagnetiche, rilevatori di movimento e altro ancora. Completamente integrato con Synology Central Management System e Action Rules, l’applicazione I/O Module di Surveillance Station può essere utilizzata per gestire una dozzina di metodi di attivazione e farli interagire in modo intelligente con altri dispositivi.

QuickConnect è ora invece integrato con CMS e consente di connettersi ai server senza alcuna conoscenza della rete. Inoltre, è ora supportato HTTPS per le comunicazioni inter-server. Gli utenti CMS possono ora ricevere notifiche combinate per eventi simili e mantenere un chiaro e preciso flusso di informazioni.

L’intervallo del fotogramma chiave può essere configurato manualmente al fine di trovare il giusto equilibrio durante la codifica video: un tempo inferiore aumenta la stabilità del flusso generale e la qualità, aumentando l’intervallo si riduce il consumo di larghezza di banda.
Surveillance Station Live View ora si reimposta automaticamente con l’opzione Auto-layout a seconda della quantità di flussi video da visualizzare. Inoltre, e-Maps è stato migliorato per offrire maggiore chiarezza: è possibile inserire o nascondere varie icone ridimensionabili, come telecamere IP, telecamere fisheye, moduli I/O e controller delle porte.

Infine, Surveillance Station inclusa su NVR216 ha completamente rinnovato il sistema di privilegi utente, permettendo agli amministratori di creare, rimuovere o assegnare agli utenti privilegi specifici direttamente dall’interfaccia del dispositivo visualizzato su un monitor locale tramite un cavo HDMI.