Tech Data: i risultati fiscali del quarto trimestre e dell’anno fiscale 2013

244

Nonostante le difficoltà macro-economiche del settore e della società durante l’anno fiscale 2013, gli investimenti fatti in acquisizioni strategiche, relazioni con i fornitori e miglioramenti del sistema hanno rafforzato e posizionato al meglio la società per il futuro.

Nel quarto trimestre dell’anno fiscale 2013, terminato il 31 gennaio, Tech Data ha riportato un fatturato pari a 7,5 miliardi di dollari, in aumento del 5 per cento rispetto al quarto trimestre dello scorso anno.

Nel primo trimestre dell’anno fiscale 2013, la società ha ridotto la gamma di rivendita dei servizi di garanzia sui prodotti dei vendor e, con riferimento a determinati contratti, è stata remunerata con una provvigione proporzionale alle vendite anziché al margine. Questi fattori avrebbero contribuito per circa 240 milioni di dollari al fatturato del quarto trimestre, causando un impatto negativo di circa il 3 per cento sul dato di fatturato rispetto all’anno precedente.

Gli elementi menzionati non hanno comunque avuto alcun impatto sui valori assoluti in dollari di margine lordo, utile operativo, utile netto e utile per azione sul periodo; hanno invece influenzato positivamente, rispettivamente di 16 e 4 punti base, i valori percentuali di marginalità e redditività operativa del quarto trimestre dell’anno fiscale 2013.

Inoltre, l’acquisizione di Sdg, conclusa l’1 novembre 2012, ha contribuito al fatturato del quarto trimestre 2013 per una cifra pari a circa 623 milioni di dollari. Inclusi nel fatturato dell’anno precedente ci sono circa 20 milioni di dollari di fatturato derivanti dalle attività in Brasile e Colombia, chiuse alla fine dell’anno fiscale 2012.

Escludendo l’impatto dei fattori sopra indicati, il fatturato sarebbe stato in linea con quello dello scorso anno. In particolare, l’utile operativo del quarto trimestre è stato di 93,5 milioni di dollari, pari all’1,25 per cento del fatturato, mentre l’utile netto attribuibile agli azionisti è stato di 82,5 milioni di dollari (2,17 dollari per azione). Lo stesso periodo dell’anno precedente aveva registrato un utile netto di 54,1 milioni di dollari (1,29 dollari per azione).

In Europa, il risultato del quarto trimestre dell’anno fiscale 2013 ha beneficiato di circa 26 milioni di dollari, pari a 0,69 dollari per azione, grazie al rilascio di un accantonamento per imposte differite. Escludendo questo beneficio, l’utile netto non-Gaap sarebbe stato di 56,6 milioni di dollari, pari a 1,48 dollari per azione. Il margine lordo del quarto trimestre è stato del 5,09 per cento, mentre nello stesso periodo dell’anno precedente era stato del 5,27 per cento.

Il fatturato dell’anno fiscale è stato di 25,4 miliardi di dollari, in diminuzione del 4 per cento se paragonato ai 26,5 miliardi di dollari dell’anno fiscale 2012, mentre l’utile operativo è stato di 303,2 milioni di dollari, pari all’1,20 per cento del fatturato (lo scorso anno era stato registrato un utile operativo di 327,9 milioni di dollari, pari all’1,24 per cento del fatturato).

L’utile netto attribuibile agli azionisti di Tech Data Corporation è stato di 214,6 milioni di dollari, pari a 5,48 dollari per azione. Lo scorso anno fiscale la società aveva registrato un utile netto attribuibile agli azionisti pari a 206,4 milioni di dollari (4,66 dollari per azione). Per il primo trimestre dell’anno fiscale 2014 la società prevede una crescita di fatturato intorno al 7 per cento anno su anno. Su base regionale, la società prevede vendite stabili sia in America sia in Europa in euro, escludendo le attività Sdg.

 

Silvia Viganò