CONAD Adriatico trasforma la supply chain grazie a JDA

681

L’impresa cooperativa sceglie JDA Advanced Warehouse Replenishment per ottimizzare le operazioni di gestione delle scorte e dei magazzini, riducendo spese logistiche e di stock

CONAD Adriatico “mette ordine” in magazzino insieme a JDA Software Group. L’impresa cooperativa, attiva con 355 punti vendita, ha deciso di implementare  la soluzione JDA Advanced Warehouse Replenishment per ottimizzare le operazioni di gestione delle scorte. L’obiettivo è identificare e rinnovare i processi per ottenere maggiore integrazione su tutta la filiera delle merci, dal punto vendita al produttore, con una conseguente riduzione dei costi legati alla logistica e allo stock. Per CONAD Adriatico si tratta della prima implementazione di un software JDA, ma le soluzioni del fornitore sono già utilizzate con successo da altre Cooperative del Gruppo CONAD, retail leader in Italia sul canale dei supermercati.

Spinta dall’esigenza di soddisfare i propri consumatori e offrire il miglior servizio al miglior prezzo, CONAD Adriatico ha scelto la soluzione JDA per ridurre i costi legati allo stock e alla logistica dei magazzini. La soluzione Advanced Warehouse Replenishment fornirà un’unica visione d’insieme delle esigenze di rifornimento dei magazzini e dei punti vendita, sulla base di previsioni accurate dei pattern di domanda di ciascuna referenza. Utilizzando queste previsioni come input, la soluzione JDA definirà le policy di stock più redditizie, inclusi nuovi schemi di consegna dal fornitore ai magazzini periferici, che ottimizzano la produttività delle operazioni di magazzino e il livello di servizio, riducendo allo stesso tempo, e in modo significativo, le spese logistiche e di stock.

Il nostro obiettivo consiste nell’attuare una trasformazione della supply chain che porti al giusto equilibrio tra proprietà dello stock ed esigenze dei punti vendita” ha spiegato Mirco Papili, Chief Information and Logistics Officer di CONAD Adriatico. “Inoltre, ridurremo al minimo la frammentazione degli ordini, determinando la giusta frequenza di acquisto per ogni prodotto, tenendo allo stesso tempo in considerazione limiti logistici quali l’utilizzo della capacità di carico degli automezzi e le quantità d’ordine minime. Ovviamente tenendo sempre, come riferimento primario, l’aumento del livello di servizio da fornire alla base sociale“.

JDA ha già aiutato altre aziende del Gruppo CONAD ad affrontare le proprie sfide in ambito supply chain e ora siamo lieti di collaborare con CONAD Adriatico per l’implementazione di JDA Advanced Warehouse Replenishment” ha dichiarato Stefano Scandelli, Vice President Sales South Europe di JDA. “Il nostro obiettivo consiste nel supportare i membri della cooperativa CONAD Adriatico affinché possano operare in modo più profittevole, eliminando costi e inefficienze dai processi di replenishment“.