Gli stock out e vincoli relativi ai tempi di consegna fanno perdere ai retailer circa il 26% dei clienti online

735

Secondo una recente ricerca il 62% degli intervistati ha dichiarato di essere propenso a rivolgersi a un retailer diverso in caso di un’esperienza di acquisto insoddisfacente

Il terzo report annuale JDA/Centiro Christmas Customer Pulse, condotto online da YouGov in Germania, Regno Unito, Francia e Svezia, ha evidenziato che i problemi di disponibilità dello stock e i tempi di consegna inappropriati sono stati la causa dell’utilizzo di un retailer alternativo da parte di più di un quarto (26%) degli acquirenti online durante il periodo natalizio. Il 62% degli intervistati ha dichiarato inoltre di essere propenso a rivolgersi a un retailer diverso in caso di un’esperienza di acquisto insoddisfacente. 

Durante il periodo natalizio i consumatori diventano sempre più esigenti e preferiscono utilizzare i canali che meglio si adattano al proprio budget e al proprio stile di vita. I retailer devono quindi adattarsi alle crescenti aspettative di acquisto, che includono prodotti disponibili 24×7 e opzioni di ritiro e consegna vantaggiose. Un ulteriore livello di complessità che i retailer devono essere in grado di affrontare”, ha dichiarato Jason Shorrock, Vice President Retail Strategy EMEA di JDA. 

Dalla survey è inoltre emerso che durante il periodo natalizio:

  • il 41% dei clienti ha effettuato almeno la metà dei propri acquisti online;
  • il 32% ha ordinato la merce in anticipo a causa delle tempistiche per gli ordini di Natale (rispetto al 26% nel 2015);
  • il 35% degli acquirenti ha riscontrato problemi con gli ordini online (rispetto al 27% nel 2015);
  • il 30% degli acquirenti online ha scelto i servizi Click&Collect (rispetto al 27% nel 2015);
  • il 45% ha riscontrato problemi con il Click&Collect (rispetto al 42% nel 2015).