Eaton, Nissan e The Mobility House inventano lo stadio del futuro

L’Amsterdam ArenA diventerà uno dei più grandi sistemi europei di accumulo di energia applicati a un edificio commerciale

Un grande sistema di accumulo di energia da installare nel parcheggio dello stadio Amsterdam ArenA, che avrà una capacità minima di 4 megawattora, incrementabile se necessario.
È quanto si apprestano a realizzare Eaton, Nissan e The Mobility House grazie all’accordo per l’implementazione di uno dei più grandi sistemi europei di accumulo di energia applicati a un edificio commerciale.

Al suo interno, l’impianto di accumulo avrà il compito di fornire alimentazione elettrica di emergenza in caso di black out ma anche di sopperire ai picchi della domanda di energia (“peak shaving”) e di fornire servizi alla rete contribuendo quindi alla sua stessa stabilità.
Inoltre, lo stadio, che è già dotato di un impianto fotovoltaico costituito da più di 4mila pannelli, potrà così rimediare alla alla fisiologica improgrammabilità della fonte fotovoltaica.

Il “nuovo” integrato nel sistema elettrico esistente
20161130_Eaton_Nissan Amsterdam ArenACostituito da ben 1.168 battery pack, per un totale di 4MWh di energia accumulabile e corrispondenti a 148 Nissan Leaf, il sistema xStorage Building (di cui è attualmente in corso l’implementazione), verrà completato entro la fine del primo trimestre di quest’anno.

A gestirle lo stadio sarà l’Amsterdam Energy Arena che, in qualità di società fondata ad hoc per la fornitura di energia all’Amsterdam ArenA, avrà il compito di generare, immagazzinare, distribuire e commercializzare energia.
In tutto questo, il sistema di accumulo svolge già ora un ruolo centrale nell’iniziativa che è destinata a protrarsi per i prossimi dieci anni.

Pensato per far fronte ai picchi di domanda fornendo l’energia necessaria ed evitando di assorbirla dalla rete, il sistema di accumulo xStorage è, dunque, destinato a diventare il più grande sistema europeo di accumulo di energia in uno stadio, basato sull’utilizzo di batterie provenienti dall’eMobility.

Per uno stadio a zero emissioni
Così come è stato concepito, l’Amsterdam Innovation ArenA – in cui aziende, governi e istituti di ricerca collaborano per la creazione di nuove idee per il futuro dello stadio – combina concetti innovativi e soluzioni collaudate nel campo della costruzione, della gestione e dell’implementazione di stadi mettendo a disposizione nuove idee per strutture sportive ambiziose e sostenibili e progetti ricreativi in tutto il mondo.

Il progetto rende, infatti, superflui i generatori a gasolio e contribuisce attivamente al bilanciamento della rete elettrica, elemento su cui è basato il modello di business dell’azienda.

Non a caso, l’obiettivo per il futuro è collegare auto elettriche al sistema e per questo motivo il sistema xStorage è stato installato nel parcheggio. Le batterie delle macchine parcheggiate potrebbero fornire ulteriore capacità di stoccaggio e funzionare come “area di eccedenza” per l’elettricità prodotta dal fotovoltaico.

In tal senso, l’Amsterdam ArenA sarà il primo esempio di un sistema per l’accumulo di energia in grado di soddisfare molteplici utilizzi.
Nel realizzare questo obiettivo e al fine di massimizzare il valore dello stoccaggio, The Mobility House metterà a disposizione la tecnologia di commercializzazione e la sua conoscenza del mercato dell’energia.