dollaro bitcoin

Lunedì il dollaro è rimasto vicino ai minimi di quattro mesi contro le principali valute, poiché le scommesse su una robusta ripresa economica globale hanno continuato a sostenere le valute considerate più rischiose.

L’indice del dollaro si è spostato intorno al segno 90, in calo dello 0,2% nella giornata di negoziazione mattutina a New York, leggermente al di sopra del minimo di quattro mesi venerdì di 89,646.

Il Dollaro e L’infrazione

Ma ultimamente quel movimento al ribasso sembra aver rallentato poiché i trader iniziano ad anticipare i tassi di interesse statunitensi più alti in arrivo quando le riserve federali statunitensi reagiranno ai segnali di aumento dell’inflazione.

“I mercati devono iniziare a prezzare una Fed leggermente più aggressiva in futuro”, ha scritto lunedì mattina Win Thin, responsabile globale della strategia valutaria di Brown Brothers Harriman.

I dati in arrivo venerdì, compresi i consumi personali degli Stati Uniti e le cifre sull’inflazione, potrebbero spingere i mercati ad anticipare un tono più aggressivo dal prossimo incontro politico della Fed del 15-16 giugno. Ma per ora, ha detto Thin, “il dollaro sta subendo una modesta pressione all’inizio della settimana”.

Lunedì mattina, i rendimenti dei titoli del Tesoro USA a 10 anni di riferimento sono rimasti stabili intorno all’1,60%.

I commercianti stanno anche aspettando progressi su un nuovo pacchetto di stimoli negli Stati Uniti, dopo che la Casa Bianca ha ridotto la sua legge sulle infrastrutture a $ 1,7 trilioni venerdì, ma non è riuscita a ottenere il sostegno del Senato repubblicano.

Tra le valute che hanno guadagnato sul dollaro c’era l’euro, in rialzo dello 0,3% a $ 1,222. La moneta unica ha guadagnato circa il 4% sul biglietto verde da marzo, mentre l’Europa si è mossa per mettersi al passo con gli Stati Uniti nel vaccinare la sua gente e nel rilanciare la sua economia.

Le criptovalute hanno reagito lunedì, riprendendo terreno perso durante un periodo di vendite del fine settimana alimentate da ulteriori segnali di una repressione cinese sul settore emergente. Questo e’ un buon segno per chi vuole investire, basta trovare una piattaforma affidabile come bitcoin profit, per esempio.

Bitcoin è rimbalzato del 9% a $ 37.729, ma era ancora in calo dopo il crollo negli ultimi giorni, scendendo fino al 17% a $ 31.107 domenica.

Il valore di Bitcoin si è dimezzato poche settimane dopo il picco record di $ 64.895 di aprile, minando le ragioni per la sua accettazione mainstream.

Il catalizzatore del crollo di domenica è stato il fatto che i “minatori” di criptovaluta, che coniano criptovalute utilizzando potenti computer per risolvere complessi enigmi matematici, stavano fermando le operazioni cinesi di fronte al crescente controllo da parte delle autorità.

Ether, la seconda più grande criptovaluta, è salita del 16% a $ 2.435, circa la metà del suo massimo di due settimane fa.

In Che Modo L’annuncio Della China e’ Un Vantaggio

La situazione ha indotto i minatori a vendere monete per finanziare una potenziale mossa in altri paesi più favorevoli o per rinnovare completamente le operazioni.

La vendita e l’incertezza potrebbero persistere per un po ‘di tempo, ma secondo il VP of Global Business Development di Bixin Mustafa Yilham, non dovrebbe scoraggiare le criptovalute.

Invece, afferma che questa è una “enorme opportunità” per decentralizzare ulteriormente il mining di Bitcoin e nulla è cambiato nella criptovaluta.

Uno dei maggiori argomenti contro Bitcoin e considerato una potenziale minaccia per la rete, era il fatto che gran parte delle operazioni minerarie a livello globale erano centralizzate nel paese comunista.

Il mining di Bitcoin che diventa più decentralizzato rafforza la rete per tutti i partecipanti e semmai migliorerà la forza fondamentale della criptovaluta. Potrebbe semplicemente subire altri dolori di crescita prima che la nuova crescita sia pronta.

La paura, l’incertezza e il dubbio potrebbero durare molto più a lungo di quanto vorrebbero gli investitori. Tuttavia, più i governi cercano di reprimere la crittografia, più diventa decentralizzata e con ciò, più difficile è per i governi farla deragliare.