Pexip, una multinazionale con sede in Norvegia specializzata in piattaforme di videoconferencing innovative, ha lanciato sul mercato Pexip Private Cloud, una nuova opzione di installazione della sua piattaforma di videoconferencing. Il servizio offre agli utenti la convenienza e la scalabilità di un’applicazione nel cloud con il controllo, la sicurezza e la privacy di una soluzione installata on-premise, caratteristica particolarmente importante per settori caratterizzati da regole stringenti quali le banche, la sanità e la pubblica amministrazione.

Questa offerta è esclusiva e non è disponibile in alcuna altra soluzione di videoconferencing nel cloud.

Come sottolineato fin dalle prime battute di una nota ufficiale da Fabio Sambrotta, Regional Sales Manager per l’Italia di Pexip: «Parlando con i nostri clienti abbiamo constatato l’esigenza sempre più pressante di una soluzione che garantisse loro il controllo dei dati senza doversi preoccupare di ampliare la capacità e la potenza di calcolo dei loro server. La nuova opzione Pexip Private Cloud risponde a questa esigenza, lasciando libere le aziende di concentrarsi sul business e supportando l’IT nel percorso di migrazione al cloud. Al contempo, si tratta di una nuova freccia all’arco di Pexip per intercettare nuovi segmenti di mercato e occasioni d’uso».

Pexip Private Cloud si basa sull’offerta esistente dell’azienda caratterizzata da diverse opzioni di installazione che comprendono l’hosting privato (on-premise o nel cloud), e la soluzione SaaS. Potenzialmente Pexip Private Cloud ridurrà sensibilmente i tempi di implementazione rispetto alle tradizionali soluzioni on premise in quanto elimina la necessità di acquisire, installare e gestire i server fisici o virtuali, oltre a gestirne la scalabilità.

Secondo Rob Arnold, Senior Analyst, Frost & Sullivan: «L’introduzione di Pexip Private Cloud arriva in un momento ideale per soddisfare una reale esigenza di mercato, che Frost & Sullivan sta monitorando. Le grandi organizzazioni erano riluttanti a passare al cloud avendo la necessità di tutelare riservatezza dei dati e di mantenerne il controllo. Pexip Private Cloud affronta questo problema direttamente. Sarà interessante monitorare l’effetto che questa esclusiva soluzione di videoconferencing avrà sull’accelerazione delle migrazioni cloud».

L’aumento dei carichi di lavoro da mette a dura prova l’infrastruttura IT dei clienti e i severi requisiti di privacy e sicurezza spesso dettano la necessità di ricorrere a soluzioni on-premise. Al contempo, i clienti desiderano attivare servizi di videoconferenza ampliati immediatamente, senza attendere settimane. Pexip Private Cloud risolve la problematica se ricorrere al cloud pubblico o privato, consentendo alle organizzazioni di aggiungere capacità o postazioni in tempo reale, semplicemente agendo sulla dashboard. La nuova offerta aiuterà i clienti ad accelerare la loro migrazione al cloud assicurando i livelli di sicurezza che una grande organizzazione richiede, uniti alla possibilità di configurare e scalare rapidamente il sistema necessario per soddisfare gli specifici requisiti organizzativi di ogni organizzazione.

Pexip Private Cloud sarà inizialmente basato sulla piattaforma Google Cloud ed esteso a Microsoft Azure nel corso del 2021.