Dynatrace ha annunciato la quarta generazione della sua tecnologia di tracciamento distribuito e analisi a livello di codice, PurePath.

PurePath 4 acquisisce e analizza le transazioni end-to-end in ambienti multicloud e con un overhead vicino allo zero. Dynatrace ha ampliato questa tecnologia affinché supporti automaticamente OpenTelemetry e W3C Trace Context, nonché le più recenti architetture cloud native, tra cui service mesh e serverless computing per Amazon Web Services, Microsoft Azure e Google Cloud Platform.

Supporto straordinario agli ambienti cloud ibridi

Questi miglioramenti aumentano la mole di dati e la portata dell’ecosistema cloud racchiuso nel tracciamento distribuito di PurePath, fornendo ai team DevOps, CloudOps e delle applicazioni cloud un’osservabilità approfondita, automatica e intelligente su larga scala per gli ambienti cloud più avanzati.

Inoltre, PurePath 4 offre un supporto straordinario gli ambienti cloud ibridi, dalle app mobile ai cloud pubblici, ai database back-end, ai mainframe e alle applicazioni aziendali. Sfruttando PurePath per raccogliere automaticamente tutti i passaggi delle transazioni su larga scala, analizzarle in tempo reale e assemblarle per una comprensione end-to-end, i clienti Dynatrace possono ottimizzare le applicazioni in modo proattivo, innovare più velocemente e scalare senza problemi.

Come sottolineato in una nota ufficiale da Robert Trueman, Head of Software Engineering presso CDL: «Uno dei motivi per cui abbiamo scelto Dynatrace per l’osservabilità delle nostre piattaforme cloud è stata la migliore tecnologia di tracciamento distribuito del settore. Migliorare PurePath per raccogliere automaticamente i dati di OpenTelemetry ed estenderli alle più recenti architetture cloud native ci consente di connettere le nostre tecnologie cloud più avanzate con il resto della nostra piattaforma cloud, garantendoci il mantenimento di un’osservabilità e una comprensione precise, end-to-end in tutto il nostro ambiente cloud in continua evoluzione. Questa precisione in un ambito così ampio ci aiuta a gestire le prestazioni delle nostre applicazioni in modo efficiente, migliorare la collaborazione tra i team e l’azienda e ottimizzare l’esperienza utente in modo proattivo».

Con PurePath 4 team digitali più efficienti ed efficaci

Dynatrace ha unito PurePath 4 con la sua tecnologia di rilevamento automatico e strumentazione continua, OneAgent, e la sua tecnologia di mappatura topologica continua, Smartscape. La combinazione consente al motore di intelligenza artificiale di Dynatrace, Davis, di fornire risposte precise con dettagli a livello di codice, ora disponibili per gli ambienti cloud più avanzati. I team digitali acquisiscono rapidamente valore e velocità riducendo automaticamente i colli di bottiglia in ambienti sempre più dinamici e complessi, riducendo drasticamente la confusione generata dagli avvisi e il tempo sprecato gestendo i falsi positivi.

Disporre di un’unica fonte di verità a livello di rete, infrastruttura, applicazioni ed esperienza utente consente una collaborazione più semplice e rende i team digitali più efficienti ed efficaci.

Per Steve Tack, SVP of Product Management presso Dynatrace: «Siamo stati pionieri nel tracciamento distribuito con l’introduzione di PurePath nel 2006 e abbiamo migliorato questa tecnologia con ogni cambiamento nello sviluppo di applicazioni e nel cloud computing, fino alle ultime app e architetture cloud native. E come contributor chiave di OpenTelemetry, membri fondatori e co-presidenti del W3C Trace Context, siamo grandi sostenitori del movimento open standard per la tracciabilità degli ambienti moderni. Questi open standard estendono la portata della nostra osservabilità e, in qualità di unica piattaforma di osservabilità che integra automaticamente il tracciamento distribuito ad alta fedeltà con il monitoraggio dei log e le funzionalità avanzate di AIOps, vediamo una grande opportunità per portare valore esteso ai nostri molti clienti multicloud».