Allarme marchi violati: coinvolto il 74% dei brand

797

Un fenomeno in aumento secondo l’ultima ricerca di CompuMark

Quasi tre quarti dei brand a livello globale (74%) ha subito una violazione del marchio lo scorso anno, e quattro su dieci sostengono che questo fenomeno è in aumento.

Il dato emerge dall’ultima ricerca di CompuMark, azienda specializzata nella ricerca e nella protezione del marchio The Trademark Ecosystem: Insights from Intellectual Property Professionals around the World, secondo la quale la confusione dei consumatori è stata identificata come la conseguenza più frequente (44%), seguita da una perdita di ricavi (40%), riduzione della fiducia dei consumatori (34%) e danno alla reputazione (33%). Un terzo delle aziende ha affermato che, come conseguenza della violazione, ha dovuto cambiare il nome di uno dei propri brand, e più della metà (56%) ha intrapreso azioni legali contro terzi per la violazione.

“La nostra ricerca mostra che in generale la registrazione di marchi è in aumento – commenta Jeff Roy, Presidente di CompuMark -. Con la facilità con cui si fa business su scala globale, la continua comparsa di nuovi concorrenti sul mercato e la proliferazione di nuovi canali da considerare, come i social media, trovare un marchio distintivo da registrare è più difficile che mai”.

Prosegue Roy: “I brand dovranno lavorare alacremente per combattere la violazione e mitigare i rischi ad essa associati. Di conseguenza, il processo di ricerca e monitoraggio del marchio sta diventando sempre più importante e rimarrà sicuramente tale anche in futuro”.

Com’era prevedibile lo studio ha mostrato che la maggior parte delle domande di registrazione di marchi sono state richieste per prodotti e servizi, loghi, immagini e nomi di azienda. La ricerca ha inoltre svelato interessanti risultati su scala internazionale circa le domande di registrazioni di marchi insoliti; i professionisti del settore in Francia hanno mostrato un interesse superiore alla media per la registrazione di hashtag e suoni, mentre gli intervistati in Germania hanno effettuato più richieste per colori e odori.

I professionisti hanno inoltre identificato una serie di sfide che hanno un impatto sull’atteggiamento nei confronti delle richieste di registrazione, tra cui tempi ristretti, budget, globalizzazione e la mancanza di strumenti e risorse. Grandi budget (51%), una tecnologia migliore (49%) e maggiori risorse (48%) sono frequentemente citate come soluzioni per superare questi problemi. Anche la Brexit è stata identificata come un effetto, il 22% del campione ha infatti affermato di aver depositato più marchi nel Regno Unito, e un ulteriore 31% ha depositato più marchi nell’Unione Europea.