Dopo la Penisola Iberica, la piattaforma per la sicurezza dei dispositivi medici connessi distribuita da Ingecom arriva anche in Italia

sanità_digitale

Ingecom, distributore a valore aggiunto spagnolo attivo nel campo della sicurezza informatica e della cyber intelligence, ha annunciato di aver siglato un nuovo accordo di distribuzione per il mercato italiano con Medigate, azienda statunitense che offre una piattaforma per la sicurezza dei dispositivi medici connessi.

Dopo aver aperto lo scorso marzo la distribuzione di Medigate nella Penisola Iberica, la partnership con Ingecom si estende ora anche per l’Italia ampliando, di fatto, il portfolio d’offerta del VAD che, nel nostro Paese, è composto da 16 marchi e 24 soluzioni tecnologiche focalizzate sulla sicurezza informatica e leader nei rispettivi settori.

Visibilità su tutti i dispositivi collegati in rete

Nello specifico, la soluzione di Medigate è volta a rilevare e proteggere l’ecosistema dei dispositivi medici progettati da produttori altamente specializzati in questo settore che spesso si trovano senza visibilità sugli strumenti di sicurezza sempre più connessi anche a Internet. La piattaforma proprietaria basata sul cloud consente ai team IT di proteggere le aziende, i dati e la privacy dei pazienti da malware, ransomware o altri attacchi informatici avanzati che mirano ai dispositivi medici connessi. Medigate garantisce un livello di sicurezza IT elevato offrendo visibilità su tutti i dispositivi collegati in rete, rilevamento di potenziali minacce e prevenzione automatica degli attacchi. Queste funzionalità distinguono la soluzione dell’azienda dalle altre presenti sul mercato.

Solo lo scorso giugno, la società di ricerche di mercato americana Forrester ha pubblicato un rapporto sulla sicurezza dei dispositivi medici connessi, che fa parte della serie di studi sviluppati nel proprio rapporto New Wave, nel quale riconosce Medigate come leader all’interno di questo mercato emergente, collocandolo tra i primi 4 fornitori, e, inoltre, qualifica Medigate anche come Strong Performer. Lo studio è nuovo nel campo della sicurezza in quanto si concentra sul settore sanitario e sulla protezione dei dispositivi medici, particolarmente urgente per gli strumenti di sicurezza informatica. Un tema molto discusso durante il periodo della pandemia di Covid-19.

Come riferito in una nota ufficiale da Jonathan Langer, co-fondatore e CEO di Medigate: “La partnership con Ingecom è un passo fondamentale nell’impegno di Medigate di migliorare la sicurezza dei dispositivi medici e quelli IoT che proteggono i pazienti, i medici e le reti ospedaliere in Italia. Siamo lieti di offrire le nostre soluzioni come parte del forte portafoglio di Ingecom”.

A sua volta, Javier Modúbar, CEO di Ingecom , ha fatto sapere che: “Siamo soddisfatti di questo accordo con Medigate in Italia, in quanto è una realtà leader nel settore e completa altre soluzioni nel nostro portafoglio. Medigate possiede la prima posizione nel rilevare e prevenire gli attacchi ai dispositivi IoMT, offrendo una piattaforma avanzata di gestione degli impianti. Inoltre, l’azienda è integrata anche con altri vendor nel nostro portfoglio come Forescout. Crediamo che Medigate fornirà agli integrator un vantaggio competitivo per i loro clienti”.