La nuova versione del software di reportistica SAP presentata da Softpi introduce nuove funzioni e caratteristiche per aumentare la produttività in azienda

softpi

Software Products Italia, distributore a valore aggiunto nel mercato ICT annuncia la disponibilità di SAP Crystal Reports 2020, la nuova versione del software per la creazione di report in ambiente SAP che consente di gestire i dati raccolti sulla piattaforma e ottimizzare l’attività dell’azienda.

La versatilità di Crystal Reports, che consente di ottenere rapidamente informazioni pronte per il consumo all’interno e all’esterno dell’azienda, è adesso arricchita dalle nuove funzionalità introdotte nella versione 2020 del software che consentono di ottenere il massimo dalla raccolta, analisi e condivisione dei dati provenienti dai sistemi gestionali.

Crystal Reports 2020 conferma la vocazione originale dell’applicazione, offrendo una completa dotazione di funzionalità che consentono di creare in maniera intuitiva report basati sui dati raccolti su ogni piattaforma, parametrizzare rapidamente i dati sulla base di intervallo di date, ID cliente, prompt a cascata (per esempio: paese, regione, città, ecc.) ed esportare i report ne formati più popolari (Excel, PDF, Word o testo) per condividerli nei gruppi di lavoro.

Le novità introdotte nella versione 2020 comprendono l’introduzione di numerosi moduli in versione a 64 bit, che oltre a un miglioramento delle prestazioni, offrono un maggiore livello di compatibilità con l’ecosistema aziendale. Crystal Reports 2020, inoltre, offre il supporto per l’esportazione verso XLSX con layout di pagina, consentendo di organizzare i dati senza la restrizione a 65536 righe e 256 colonne.

Crystal Reports 2020 può essere utilizzato come sorgente dati OData (OData v4) per esportare e trattare le informazioni in altre applicazioni eliminando così le “barriere” tra le piattaforme e consentendo una maggiore granularità nell’analisi dei dati.

Tra le funzionalità di analisi introdotte, inoltre, c’è un nuovo pulsante Freeze Panel che consente, all’interno del Viewer, di bloccare alcune parti del report visualizzato per poterle confrontare con altre parti della stessa pagina o di altre pagine.

La nuova edizione del software, nell’ottica di migliorare il livello di sicurezza e compatibilità, ha inoltre “sfoltito” alcune funzionalità individuate come problematiche dai feedback degli utenti.

“La nuova versione di Crystal Reports è il frutto di un accurato processo di sviluppo che ha seguito obiettivi precisi” commenta Andrea Guidi, responsabile commerciale di Softpi. “Il fatto che accanto alle nuove funzionalità ci siano strumenti che sono stati rimossi conferma l’attenzione dello sviluppatore per le indicazioni provenienti dagli utilizzatori del software.”

Softpi punta sulla formazione

In concomitanza con la presentazione di questa nuova versione di software, Softpi ha riservato un corso di formazione base online rivolto agli utenti principianti o a coloro che hanno fatto fino a ora un uso del software sporadico. Il corso si svolgerà in 5 appuntamenti di 2 ore a partire da lunedì, 5 ottobre previa iscrizione sul sito ufficiale dell’azienda.