Tecnologie e ricerca a sostegno delle persone autistiche. Una breccia nel muro e Fondazione Telecom Italia presentano le ultime novità

475

Un’occasione per ricercatori, operatori e famiglie per confrontarsi sull’importanza degli strumenti digitali

L’Associazione “Una breccia nel muro” e Fondazione Telecom Italia hanno presentato a Roma, nel corso del convegno “Tecnologie a sostegno delle persone con disturbi dello spettro autistico”, le novità tecnologiche sviluppate per il trattamento dei disturbi autistici.

L’iniziativa è stata un’occasione per ricercatori, operatori e famiglie per confrontarsi sull’importanza degli strumenti digitali – dispositivi per la diagnosi precoce, piattaforme di raccolta dati, comunicatori simbolici, giochi, applicazioni, robot, facilitatori dell’interazione – nell’affrontare il disagio, valutando la portata effettiva delle tecnologie e comprenderne le potenzialità a sostegno del loro impegno quotidiano.

Nel corso del convegno sono stati illustrati due progetti innovativi Tecnologia fa Breccia dell’Associazione “Una breccia nel muro” e SiDOREMI di ISTI-CNR, realizzati entrambi con Fondazione Telecom Italia. 

In particolare, Tecnologia fa Breccia ha l’obiettivo di facilitare e far crescere la comunicazione tra le famiglie di bambini affetti da autismo, i terapisti e i supervisori, come pure aumentare nei bambini autistici la motivazione e facilità verso l’apprendimento di alcune abilità tipicamente deficitarie nella sindrome (comunicazione, interazione sociale, sfera di interessi). Tali obiettivi sono raggiunti con la realizzazione di una piattaforma tecnologica (“Breccia Health”), che consente ai genitori di inviare in tempo reale ad un centro di supervisione i dati relativi allo sviluppo del bambino autistico in ambiente naturale, e con l’introduzione di un set di applicazioni (“Breccia App”, con giochi che stimolano l’interazione) ad integrazione del lavoro svolto quotidianamente.

SiDOREMI (Sistema Domiciliare di Rieducazione Espressiva del Movimento e dell’Interazione) ha lo scopo invece di raccogliere ed elaborare dati ed informazioni a fini diagnostici e di fornire consulenza audiovisiva a distanza ai genitori dei soggetti con sindrome autistica. Ciò viene raggiunto con un dispositivo informatico a tecnologia cloud che, attraverso il controllo gestuale di suoni, musica e grafica generati dai bambini affetti da disturbo autistico, stimola ed enfatizza negli stessi l’interazione con il mondo circostante.

Con questi progetti, Fondazione Telecom Italia conferma il proprio impegno a fianco del volontariato, della ricerca e delle famiglie nel campo del sociale, intendendo promuovere non soltanto un miglior utilizzo delle nuove tecnologie, ma anche una buona capacità di gestione per aiutare sempre più a “fare bene il bene”.