Canon IMAGEPRESS C10010VP

Canon presenta un’unità di raffreddamento e due nuove opzioni di automazione avanzata per il sistema di stampa digitale a colori serie imagePRESS C10010VP: Cooling Unit, Sensing Unit e Inspection Unit. Queste innovazioni sono pensate per supportare i clienti che operano nel settore della stampa di produzione, consentendo loro di ottenere la massima flessibilità e produttività con elevata qualità di stampa senza alcun intervento manuale.

Il Cooling Unit permette di avere una migliore flessibilità nella gestione di supporti di stampa, ottimizzando la capacità di raccolta della risma stampata nei vassoi di raccolta dei sistemi di finitura, ottimizzando in questo modo la qualità del materiale impilato in funzione dei tipi di carta più sensibili all’effetto ondulazione post stampa.

Il Sensing Unit ottimizza i tempi operativi eliminando l’esigenza della calibrazione manuale. Questo strumento monitora la registrazione bianca e volta e la consistenza del colore prima e soprattutto durante la stampa, effettuando automaticamente le regolazioni necessarie per garantire la coerenza con le impostazioni del lavoro, dalla prima all’ultima pagina. Il concetto di controllo “in produzione” permette di mantenere elevata la produttività, gestire carte anche con tagli non perfettamente regolari. Inoltre, senza questo strumento di rilevamento automatico, possono intervenire alcuni fattori esterni, come quelli ambientali e strutturali della carta che sono difficili da prevedere e che potrebbero minare la stabilità del registro. Questa regolazione in tempo reale, con riferimento al supporto stampato, va ad aggiungersi all’elevato livello di controllo del colore sul Transfer Belt per il trasferimento dell’immagine offerto dalla tecnologia Multi D.A.T., integrata di serie sulla Canon imagePRESS C10010VP.

Per i clienti che desiderano eliminare verifiche manuali, rispetto a determinati criteri, il nuovo Inspection Unit pensato da Canon offre un’importante opportunità di automazione. L’unità monitora ogni pagina stampata rilevando eventuali problemi come la distorsione e difetti, la presenza di striature o sporco sui supporti. I clienti possono scegliere di eliminare e ristampare automaticamente le pagine difettose, per ottenere risultati perfetti senza compromettere la produttività. In alternativa, è possibile eliminare queste pagine senza ristamparle oppure ricevere semplicemente un report delle pagine che non soddisfano i parametri di qualità predefiniti.

L’ Inspection Unit può individuare i difetti di soli 0,2 mm di diametro senza influire sulla produttività. Inoltre, è possibile modificare i livelli di sensibilità in funzione delle specifiche esigenze di ogni lavoro. L’operatore può definire fino a 64 aree su ogni pagina che verranno confrontate con i criteri di controllo, ognuna con nove possibili livelli di sensibilità. Ad esempio, si potrebbe impostare uno standard qualitativo più elevato per il logo aziendale, le immagini del prodotto e i volti, con controlli meno stringenti per le immagini di sfondo.

Questi due nuovi moduli di automazione possono essere selezionati singolarmente o in abbinamento, posizionandoli obbligatoriamente dopo il Cooling Unit. Sono compatibili con le stampanti Canon serie C10010VP già esistenti. Entrambi i moduli possono essere gestiti dai controller PRISMAsync o Fiery.

Gianluca Ghiadoni, Product Business Developer Professional Print di Canon Italia ha commentato: “La serie imagePRESS C10010VP soddisfa gli standard più elevati di qualità e produttività, per rispondere alle aspettative dei clienti, anche di quelli più esigenti. Questi nuovi sviluppi eliminano la necessità di verifiche e calibrazioni manuali, che richiederebbero un investimento aggiuntivo in termini di tempo, controlli visivi o giudizi soggettivi e di migliorare la gestione dei media in uscita.

Lo sviluppo di queste opzioni conferma la nostra volontà di ascoltare e rispondere alle esigenze dei nostri clienti. Sappiamo quanto l’efficienza sia importante per loro; per questo, ora offriamo la possibilità di migliorare la gestione dei media e automatizzare completamente i processi di ispezione e calibrazione. Grazie a queste nuove tecnologie, i clienti possono incrementare la loro produttività e redditività, ridurre al minimo le ristampe e gli sprechi, ridurre i tempi di esecuzione dei lavori e concentrare le competenze sulle attività alle quali possono aggiungere più valore.”