Ruckus R730 è il primo access point 802.11ax IoT e LTE per stadi, luoghi pubblici, stazioni e aeroporti, e scuole

La Ultra-High Density Technology Suite migliora le prestazioni della rete e la sicurezza WPA3 protegge gli utenti dagli attacchi più comuni

Ruckus Networks, parte del gruppo ARRIS, annuncia l’access point WiFi 802.11ax Ruckus R730, il primo AP predisposto per IoT e LTE, che – insieme alla Ruckus Ultra-High Density Technology Suite – è in grado di gestire flussi di dati importanti come video ad alta risoluzione in ambienti ad altissima densità come stadi, luoghi pubblici, e scuole. Inoltre, l’ R730 è in grado di gestire sia il nuovo protocollo di sicurezza WPA3TM sia Wi-FiTM Enhanced Open per una maggiore sicurezza delle connessioni in rete pubblica.

Il nuovo standard 802.11ax è stato pensato per connessioni ad alta densità, grazie alla possibilità di supportare una capacità fino a quattro volte superiore rispetto al precedente standard 802.11ac Wave 2. Grazie all’802.11ax, più access point utilizzati in questa tipologia di ambienti sono in grado di erogare la necessaria qualità del servizio (QoS) a un maggior numero di utenti con profili anche completamente diversi tra loro, grazie alle tecnologie OFDMA (orthogonal frequency-division multiple access) e MU-MIMO (multi-user multiple-in multiple-out).

L’access point Ruckus R730 supporta 8 spatial stream a 5 GHz e 4 spatial stream a 2,4 GHz, e quindi permette a chi progetta reti WiFi di rispondere ad una sempre maggiore richiesta da parte degli utenti WiFi e di soddisfare tutte le richieste di qualità del servizio richiesta da ciascun applicazione all’interno di stadi, luoghi pubblici e scuole, dove i contenuti video e le applicazioni mobili vengono ormai utilizzati da una sempre maggiore percentuali di utenti.

La Ruckus Ultra-High Density Technology Suite si contraddistingue per l’uso di queste tecnologie che vanno oltre le prestazioni dello standard 802.11ax, tra cui:
. Airtime Fairness – Aumenta il throughput medio dei client in ambienti congestionati grazie all’uso di tecnologie brevettate che limitano il traffico di gestione che non è strettamente necessario.
. Gestione transitoria dei client – Mantiene i livelli di throughput per i client ad alta priorità in ambienti a elevata transitorietà come le stazioni e gli aeroporti, utilizzando una tecnologia brevettata che ritarda l’associazione all’access point dei client transitori a bassa priorità.
. Antenne BeamFlex+ – Questa tecnologia brevettata migliora la copertura da parte dell’access point e la capacità, grazie alla continua ottimizzazione delle aree di copertura dell’antenna per singolo apparato e singolo pacchetto.