CIPS Informatica: successo per il Digital Channel Forum di primavera

Tra i temi affrontati progetto e gestione dei sistemi informatici, struttura di governance IT, scenari operativi imposti dalle nuove tecnologie nella Cybersecurity

E’ andata in scena a Milano la Spring Edition di Digital Channel Forum, l’evento-dibattito organizzato da CIPS Informatica, distributore italiano di prodotti hardware e software specializzato in sicurezza informatica e innovazione dei sistemi informativi, con un focus particolare sul modello dei Servizi Gestiti.

Digital Channel Forum è un’iniziativa di incontro tra operatori professionali ideata da CIPS Informatica che si svolge ogni anno in due date: in primavera e in autunno ed è rivolto a tutti gli operatori del canale dell’Information Technology italiano.

In particolare a chi si è specializzato, o si sta specializzando, in ambito di sicurezza e innovazione dell’infrastruttura informatica o che intenda includere nelle proprie attività la capacità di fornire Servizi Gestiti.

CIPS Informatica e le aziende partner, tra cui Solarwinds MSP, Netwrix, Sangfor, Spamina, Netsparker, Bitdefender, hanno illustrato i più aggiornati metodi di controllo, gestione e reazione degli incidenti informatici.

Il focus si è indirizzato sull’impatto delle nuove tecnologie, che ridefiniscono costantemente lo scenario della Cybersecurity, sul superamento del modello MSP e conseguente evoluzione verso il modello MSSP, che apre nuovi scenari di business per gli operatori e i fruitori di servizi.

Mario Menichetti, CEO di CIPS Informatica, ha commentato: “Il mercato legato a soluzioni di gestione della Sicurezza Informatica è cresciuto del 12% nell’anno 2018 e per il 2019 si stima una cifra analoga per un controvalore di circa 124 miliardi di dollari (Fonte: Gartner). La tecnologia propone continue innovazioni che cambiano rapidamente la vita e il lavoro delle persone, e un mondo in continua evoluzione non può permettersi disattenzioni. La sicurezza informatica rappresenta oggi una necessità primaria per governi, enti aziende e privati cittadini.”