Exclusive Networks guarda al futuro

Mantenendo il suo focus tradizionale su cyber sicurezza e cloud transformation il distributore punta al reclutamento di marchi innovativi accanto ai brand a portafoglio già consolidati

Con l’arrivo al timone di Luca Marinelli, dal 1° luglio nuovo CEO e General Manager della filiale italiana, Exclusive Networks prosegue nella sua strategia focalizzata su cyber security e cloud transformation con l’inserimento di brand innovativi al fianco di quelli più consolidati, puntando su formazione e servizi e ponendosi l’obiettivo di portare anche nelle aziende più piccole soluzioni di natura enterprise.

Le novità per il 2019

“La prima grande novità – spiega Marinelli, nuovo CEO e General Manager per Italia, Grecia, Malta e Cipro – è che le varie divisioni del Gruppo si sono riunite sotto l’unica etichetta di Exclusive Networks, che sarà l’unico brand che ora rappresenta l’azienda”.

Il focus resta quello tradizionale: della cyber security e della cloud transformation ma con l’inserimento a catalogo di brand sempre nuovi e innovativi con un piano di scounting continuo e ben strutturato (solo nell’ultimo semestre si sono uniti a Exclusive NOZOMI NETWORKS, CYBERBIT e GREENBONE).

“La mission di Exclusive Networks è quella di portare sul mercato un modello di disruption distribution che si basa su focalizzazione, un modello di esclusività della distribuzione e soprattutto su una deliberata doppia vista di mercato su alcuni brand consolidati ed altri particolarmente innovativi”.

L’Italia resta la 5° country a livello mondiale e continua a rafforzare il suo team che ora conta 80 dipendenti distribuiti tra le sedi di Milano, Roma e Torino, con una squadra di tecnici in continuo rinnovamento.

La strategia commerciale

“Per quanto riguarda la clientela Exclusive Networks ha cominciato a introdurre sui clienti più piccoli brand di taglio enterprise con soluzioni più complesse ed ha messo in piedi un’organizzazione che si dedica ai grandi system integrator che sta avendo riscontri in virtù della propria capacità di innovare e portare ai loro tavoli soluzioni che non conoscono” prosegue Marinelli.

Altra grande novità è il programma Top Partner riservato a grandi organizzazioni che hanno con il distributore volumi significativi.

La tecnologia

Sulla base del fatto che Exclusive Networks gestisce le attività legate ad un marchio senza dare al cliente l’idea del valore che introduce dal punto di vista tecnologico, ora la società ha deciso di connotarsi sul mercato in maniera più decisa come un distributore capace di abilitare i clienti secondo sette tecnologie (cloud migration, security e cyber intelligence, IoT, SOA, governance, security e privacy e SCADA e mobility).

“Su questi sette temi facciamo confluire le attività che sviluppiamo – spiega Marinelli – mentre ad ottobre 2018 è nato PowerLab, un’infrastruttura fisica e virtuale che permette a Exclusive di mostrare ai clienti e agli utenti finali non solo le tecnologie singolarmente prese ma anche integrate tra di loro (abbiamo predeterminato più di 70 integrazioni basate su 19 soluzioni allo stato attuale)”.

Il PoweLab nasce per fare vedere le tecnologie che Exclusive distribuisce in azione mettendo anche bene in evidenza il fatto che la società crede molto nell’integrazione di queste tecnologie, laddove esista complementarietà.

Servizi e Training

In Italia Exclusive Networks continua a proporre formazione e servizi professionali supportando i partner dalle retrovie e rinforzando le attività dei partner qualora subentri una carenza di competenze.

Attraverso un’offerta rinnovata e white label, che i partner potranno “vestire” con il proprio brand sul territorio, l’obiettivo è permettere loro di distinguersi sul mercato grazie a un’ampia gamma di servizi e supporto altamente professionale, assistenza continua e formazione di qualità. Una leva strategica di business soprattutto per i partner che per dimensioni e mancanza di risorse non riescono a sviluppare competenze e capacità di presidiare il mercato a 360°.