A Brevi la distribuzione diretta degli smartphone Asus

1013

L’accordo siglato con l’azienda taiwanese prevede l’ingresso della prestigiosa gamma ZenFone in tutti i Cash & carry Brevi

ZenFone, la nota linea di telefonia mobile di Asus è entrata a pieno titolo nella lista dei prodotti distribuita da Brevi, che apre le porte dei suoi numerosi cash & Carry lungo tutto il territorio nazionale alla prestigiosa gamma di smartphone.

L’accordo siglato con Asus Europe conferisce ulteriore spessore alla partnership fra le due aziende, che da anni sviluppano insieme una perfetta sinergia commerciale. Parliamo, infatti, di due realtà particolarmente complementari, per tipologia di prodotti da parte del vendor taiwanese, per canale commerciale da parte di Brevi.

Con queste premesse, l’accordo per la distribuzione della gamma ZenFone prospetta grandi potenzialità, inserendo nel circuito Brevi un brand di prima fascia, in un segmento strategico quale la telefonia, e allo stesso tempo mettendo a disposizione del vendor un canale sensibile e ricettivo al prodotto Asus, e quindi in grado di proporlo alla propria clientela nella giusta maniera.

Parliamo di prodotti di qualità a cui si abbina un design elegante e ricercato ma anche soluzioni all’avanguardia, come la doppia fotocamera anteriore o posteriore con funzionalità grandangolo, in base al modello.

L’intera line-up sarà da subito disponibile in tutti i cash & carry con le versioni ZenFone 4 Max (in entrambe le configurazioni, con display da 5.2” e 5.5”), ZenFone Max Plus (M1) e ZenFone 4 Selfie Pro.

Perfettamente rodate anche le modalità di gestione del post-vendita, con la possibilità per il reseller di utilizzare gli stessi canali di assistenza che già usa per i notebook.

Con l’inserimento della gamma smartphone Asus, Brevi aggiunge un nuovo, fondamentale tassello al suo ventaglio di offerta: un “A” brand in distribuzione diretta, in un segmento dai grandi numeri quale quello della telefonia. Una carta vincente in più per un distributore in costante ascesa, sia nei numeri (+ 7% al termine dell’anno scorso, ancora in forte crescita all’inizio del 2018) che nella qualità dell’offerta.