Estrazione di Bitcoin

Estrazione di Bitcoin in Cina: Huobi sospende l’estrazione di Bitcoin nazionale in mezzo a svendite globali e un più ampio controllo di Pechino.

Huobi è diventato uno dei primi scambi di criptovaluta fondati in Cina a fermare le sue operazioni di estrazione di Bitcoin nazionali.

Il Consiglio di Stato cinese ha annunciato venerdì scorso un ulteriore giro di vite sull’estrazione e il trading di Bitcoin.

Estrazione di Bitcoin Sospesa

L’exchange di criptovalute Huobi ha sospeso i servizi di mining di Bitcoin e le vendite di attrezzature minerarie nella Cina continentale, diventando una delle prime piattaforme fondate in Cina a farlo, poiché il prezzo del bitcoin continua a scendere dopo che il governo centrale ha annunciato un giro di vite.

“Per essere più concentrati sull’espansione della nostra presenza all’estero, sospenderemo attualmente la fornitura dei servizi correlati per i nuovi utenti nella Cina continentale. Per gli utenti esistenti, informazioni e dettagli aggiornati saranno annunciati a breve ”, ha detto lunedì una portavoce di Huobi in una dichiarazione al South China Morning Post.

Mentre i servizi di hosting di Huobi sulla sua piattaforma cloud di mining sono stati sospesi, il pool di mining che gestisce, Huobi.pool, continua le normali operazioni, ha affermato la società in un avviso separato pubblicato al suo gruppo di chat sull’app di messaggistica cinese QQ.

Il governo, che ha vietato le transazioni finanziarie di bitcoin e altri token dal 2019, fino ad ora aveva chiuso un occhio nei confronti delle mining farm di criptovaluta nella Mongolia Interna, nel Sichuan, nello Xinjiang e in altre località della terraferma.

La Posizione Della Cina

La Cina “reprimerà il comportamento di mining e trading di Bitcoin e preverrà risolutamente il trasferimento dei rischi individuali alla società”, secondo una dichiarazione venerdì scorso del Comitato per la stabilità e lo sviluppo finanziario del Consiglio di Stato presieduto dal vice-premier Liu He, il presidente è il massimo rappresentante per le questioni economiche e finanziarie.

Questa dichiarazione è arrivata tre giorni dopo che le associazioni finanziarie cinesi sostenute dallo stato hanno emesso congiuntamente un avvertimento sui rischi derivanti dalle criptovalute volatili.

Bitcoin, la più grande criptovaluta del mondo, ha recentemente subito una forte svendita globale. Entro lunedì a mezzogiorno, il suo prezzo è sceso del 6,4% nelle ultime 24 ore a $ 34.900, quasi la metà del suo prezzo più alto quest’anno di $ 64.895 il 14 aprile. Questo momentaneo ribasso potrebbe essere un buon momento per iniziare ad investire in Bitcoin attraverso piattaforme affidabili come bitcoin era.

I Cambiamenti di Mercato

I prezzi dei Bitcoin sono stati sotto pressione da quando l’amministratore delegato di Tesla Elon Musk ha detto all’inizio di questo mese che la società non avrebbe più accettato la valuta come pagamento.

Huobi.pool è attualmente l’ottavo pool di mining al mondo per tasso di hash, una misura della potenza di calcolo utilizzata in una rete di mining, secondo i dati di BTC.com, un sito di proprietà della società di mining di bitcoin Bitmain che tiene traccia delle prestazioni delle criptovalute.

Bitcoin, come molte criptovalute, si basa su una rete decentralizzata di computer dedicati alla verifica e alla registrazione delle transazioni. In cambio della potenza di elaborazione e dell’elettricità utilizzata in questo processo, i proprietari dei computer vengono ricompensati con nuovi token tramite un processo chiamato “mining”.

Il Mining Di Bitcoin

Un mining pool è un gruppo di computer gestiti da diversi miner che condividono la potenza di elaborazione per verificare e registrare la stessa transazione e condividere la ricompensa. Spesso i pool sono costituiti da computer di data mining di prima e terza parte.

Bitmain Technologies, con sede a Pechino, una delle prime società specializzate nel mining di bitcoin, gestisce il pool più grande del mondo, rappresentando circa il 17% del tasso di hash bitcoin globale, secondo i dati di BTC.com

Secondo le stime del Cambridge Bitcoin Electricity Consumption Index, la Cina è il più grande sito minerario di criptovaluta al mondo, rappresentando il 65% del tasso di hash bitcoin globale, con un consumo di energia che dovrebbe raggiungere il picco nel 2024 a 297 terawattora, più del l’energia utilizzata dall’intera popolazione italiana nel 2016.

Un’analisi dell’Università di Cambridge a febbraio ha stimato che l’industria consuma circa 121 terawattora all’anno, ovvero quasi lo 0,5 per cento della produzione mondiale di energia.