In Unieuro la capacità di execution paga

I numeri e le strategie elencate in occasione della Convention Fornitori 2019 parlano chiaro

Lo scorso 18 gennaio, a Piacenza, all’interno del nuovo hub logistico con 104.000 metri quadri disponibili per lo stoccaggio delle merci inaugurato lo scorso 12 ottobre, Unieuro ha presentato ai propri fornitori di beni e servizi la propria visione relativamente al presente e al futuro di un settore sempre più sfidante.

Intenta a riaffermare il ruolo guida dell’insegna, il maggiore distributore omnicanale di elettronica di consumo ed elettrodomestici per numero di punti vendita in Italia, ha descritto uno scenario segnato dalla crescente penetrazione dell’e-commerce, da una costante pressione sui margini e da un indice di concentrazione della distribuzione inferiore rispetto agli altri mercati primari.

All’interno del medesimo scenario, sempre Unieuro si è definita l’unico operatore in grado di:

  • cogliere le opportunità del digitale, valorizzando al tempo stesso la rete fisica
  • estendere il consolidamento, come avvenuto in Sicilia
  • rafforzare la proximity con nuove aperture e accordi distributivi
  • ottimizzare il retail mix
  • sviluppare nuove partnership di valore

Inoltre, l’accelerazione in termini di prossimità al cliente, anche e soprattutto tramite le acquisizioni e le nuove aperture, insieme a un approccio “customer obsessed” che pone al centro l’ascolto del cliente e dei suoi bisogni, hanno fatto di Unieuro il retailer di elettronica più dinamico e innovativo, anche grazie a un brand capace di definire linguaggi distintivi, che si rinnova e che sperimenta.