La fiorentina 7Layers ha ricevuto da Palo Alto Networks il riconoscimento di NextWave Managed Security Service Provider

7Layers, società di servizi per la sicurezza informatica fondata nel 2012 a Firenze, ha ricevuto da Palo Alto Networks il riconoscimento di NextWave Managed Security Service Provider (MSSP) per la fornitura a livello globale di servizi gestiti.

7Layers diventa così un partner per l’erogazione di soluzioni di tipo Managed Detection and Response (MDR) per la gestione e mitigazione degli attacchi più evoluti integrando le soluzioni di Palo Alto Networks, nello specifico i Next-Generation Firewall (NGFW), Cortex XDR (EXtended Detection & Response), Prisma Cloud (per la sicurezza di ambienti Multi-Cloud e DevOps) e Prisma Access SASE (Secure Access Service Edge).

Un passo avanti nel threat hunting

Come sottolineato in una nota ufficiale da Riccardo Baldanzi, CEO/CSO di 7Layers: «Collaborare con Palo Alto Networks ci permette di rispondere al meglio alle minacce offrendo una suite completa di soluzioni security integrate che proteggono network, endpoint e cloud».

Per Mauro Palmigiani, Country Manager per l’Italia in Palo Alto Networks: «Le organizzazioni continuano a essere sempre più interessate ai servizi integrati di sicurezza in quanto permettono loro di essere sempre un passo avanti alle minacce più recenti, controllare i costi e godere della miglior protezione. Siamo felici di lavorare con 7Layers con l’obiettivo di permettere ai nostri clienti di operare in un mondo dove ogni giorno è più sicuro rispetto a quello precedente».

Come concluso da Fabrizio Rosina, CEO/CTO di 7Layers: «Il nostro team MDR è un gruppo globale di professionisti esperti di sicurezza offensiva e difensiva. Questo tipo di esperienza trasversale rende il nostro team esperto nel threat hunting e nell’intelligence per le minacce conosciute e sconosciute, incluse le investigazioni su attacchi mirati. Il nostro obiettivo è fornire visibilità e difesa contro gli attacchi informatici avanzati come estensione del team di security di Palo Alto Networks. I nostri analisti di cybersecurity utilizzano strumenti e software sofisticati come il Cortex XDR che applica il Machine Learning per automatizzare i processi di Prevention, Detection & Response sul network, l’endpoint ed il cloud per ottenere informazioni contestuali ed individuare prontamente le minacce. Ai nostri clienti viene notificato immediatamente se ci sono le evidenze di una compromissione e possono seguirne lo stato attraverso un portale web mentre i nostri analisti lavorano per risolvere l’incidente».