Photo by Anders Granström

Con uno spettacolare mapping realizzato sull’iconico municipio di Stoccolma gli scorsi 5-13 dicembre, i proiettori Panasonic hanno contribuito a celebrare i progressi dell’umanità nel campo dell’astrofisica, lasciando a bocca aperta oltre 100.000 visitatori. Il progetto, parte della “Nobel Week Lights” di Stoccolma, si è svolto per la prima volta nel 2020 in occasione della cerimonia dei Premi Nobel.

L’installazione rappresenta uno dei progetti di video mapping più imponenti mai realizzati nella capitale svedese. L’evento, organizzato per celebrare i Premi Nobel 2020, ha coinvolto diverse aree della città di Stoccolma con installazioni luminose ispirate alle scoperte scientifiche di alcuni vincitori dell’ambito premio.

Proiettori Panasonic per il progetto di projection mapping animato

Il risultato più creativo di questa iniziativa è stata la proiezione SPACE, progettata da Andreas Skärberg e prodotta dallo studio PXLFLD. Si tratta di un’installazione artistica basata sul projection mapping animato, della durata di 16 minuti, dedicata agli straordinari progressi dell’uomo nel campo dell’astrofisica. Per trasformare la sua visione in realtà, PXLFLD si è rivolta ai partner Lumination of Sweden e Creative Technology, quest’ultimo specializzato in soluzioni tecnologiche avanzate per il mercato del broadcast e degli eventi live.

Per la riproduzione dell’opera, il team ha impiegato un totale di 30 proiettori PT-RQ22K (in foto), e PT-RZ21K di Panasonic.

Affidabilità al primo posto nella scelta dei creativi

Come sottolineato in una nota ufficiale da Johan Törnström di Creative Technology: «Avevamo necessità di utilizzare proiettori laser per poterli disporre senza problemi intorno alla struttura dell’edificio e, in secondo luogo, perché assicurano una gamma colori e contrasto di livello superiore. Inoltre, i dispositivi dovevano essere compatti e facili da configurare anche in spazi ristretti».

Johan ha aggiunto che l’affidabilità dei proiettori laser Panasonic ha avuto un ruolo chiave nella scelta di queste soluzioni, dal momento che l’installazione sarebbe dovuta rimanere in funzione per oltre 12 giorni, e che occorreva prevedere il posizionamento verticale di molti di essi.

I proiettori PT-RQ22K e PTRZ21K di Panasonic offrono una luminosità di 20.000 lumen e combinano l’imaging da 3 chip DLP con la tecnologia a laser/fosforo SOLID SHINE 4K+ esclusiva di Panasonic. Il risultato è un’uniformità superiore in termini di luminosità dello schermo, caratteristica fondamentale per spettacoli di mapping.

Per Hartmut Kulessa, European Marketing Manager di Panasonic Business: «Questi proiettori sono stati progettati proprio per quei contesti in cui la continuità è un elemento estremamente importante. Se il segnale primario si interrompe, i dispositivi commutano automaticamente su un segnale di ingresso di riserva, senza mai interrompere la proiezione».

Infine, secondo Anders Granström, Technical Designer presso PXLFLD: «Riuscire a stupire il pubblico con quest’opera gigantesca, mettendo in primo piano i contenuti visivi in tutta sicurezza, è stata un’esperienza a dir poco emozionante. Gli spettatori hanno reagito in maniera estremamente positiva».